Val D’Orcia (parte 3)

Bagno Vignoni

Sicuramente più famoso di Bagni San Fillippo, può vantare un complesso termale ormai affermato a livello nazionale. Il paesino merita senz’altro una visita ed anche in questo caso prediligerei i mesi invernali quando l’alta temperatura dell’ acqua, scontrandosi con l’aria fredda crea l’effetto “fumata bianca”. Anche qui può accedere alle terme libere ma non sono scenografiche come le altre, perchè c’è solamente una vasca rettangolare di piccole dimensioni e spesso è invasa dai cespugli. Un tempo era possibile immergersi anche nella vasca del paese ma da molti anni è stata vietata la balneazione. La Vasca principale che si trova nel paesino, dove una volta era consentita la balneazione, è il vero fulcro di tutto il complesso, non solo logisticamente perchè effettivamente sta al centro, ma anche idealmente. Tutto Il borgo medievale con le sue case, i negozi e l’immancabile Chiesa, le si è sviluppato intorno abbracciandola interamente, praticamente non c’è porta o finestra da cui non si possa vedere.

12204336_10207338712613406_1375126111_o
Terme libere
12211042_10207338712973415_1172820038_o
Il centro del borgo

Abbazia di Sant’Antimo

Leggenda vuole che sia stato proprio Carlo Magno a fondare questa Chiesa nel 781 a seguito di un evento miracoloso; il suo esercito, di ritorno da Roma provato da una tremenda epidemia di peste, avrebbe ritrovato la salute perduta grazie all’erba di questo posto. Ed in segno di riconoscenza donò all’Abbazia le reliquie dei Santi martiri Antimo e Sebastiano ricevute dal Papa Adriano I. Indipendentemente dalle sue origini, questo luogo è magnifico, una pieve romanica bianca, incastonata tra le colline e circondata da olivi e vigneti che a Novembre s’infuocano passando dal classico verde primaverile al rosso autunnale; e di quando spuntano i papaveri e macchiano il verde del manto erboso ne vogliamo parlare? E quando al tramonto il travertino bianco di cui è realizzata assume il colore e le sfumature del cielo? Credo che per la sua struttura, la sua “povertà” nei materiali ed ornamenti, per le sensazioni che mi trasmette quando mi siedo sulle panche ed i raggi del sole dalle vetrate filtrano al suo interno trapassando come lame di luce i fumi d’incenso, sia in assoluto una delle mie chiese preferite.

12197599_10207317877132532_765126797_o12185995_10207317849171833_411629128_o12194367_10207317532723922_407030292_o

Montalcino

Vale un po’ lo stesso discorso per Pienza, che cosa posso aggiungere a quanto già detto e ridetto? La città non è bella, è un amore..  le chiese, i giardini le vie acciottolate, gli angolini e le scalette in pietra, la rendono un vero gioiellino. Qui però c’è il castello dove è possibile salire sulle mura per sentirsi la regina che ammira indisturbata tutte le dolci colline ed i vigneti delle sue terre. Non possiamo certo scordarci che Montalcino è la patria del famosissimo Brunello, uno dei vini più buoni rinomati al mondo e tutt’intorno la città, le cantine sbocciano come fossero tanti fiori in primavera. E tra la visita di una chiesetta e la scoperta dell’ennesimo angolino, fermarsi 10 minuti per fare merenda con un panino ripieno di salumi e formaggi tipici ovviamente accompagnato da un bicchierino di vino (perchè da noi si dice “un vorrai mica murare a secco”), seduti sul prato di fronte alle mura del castello, da proprio tanta, tantissima soddisfazione.

12197507_10207317533563943_1050751372_o
Piazzette tutte da scoprire
12197560_10207317244196709_1070988470_o
Il castello
12177496_10207317534643970_1715892086_o
Sponsor importanti per il Brunello!

 

Mappa dell’itinerario

Percorso 3
Da Vivo D’Orcia a Buonconvento
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...