Arcobaleni alle Victoria Falls

Specchio , specchio delle mie brame, chi sono le cascate più belle del reame? Ahimè, Niagara voi siete spettacolari, ma nell’altro emisfero ed in un diverso continente, si trovano altre Cascate, molto più belle ed emozionanti di voi: Victoria è il loro nome.

Questo è quello che risponderei se io fossi lo specchio, questo è quello che ho pensato e provato, non appena mi sono trovata faccia a faccia con questo spettacolo della natura.

Le cascate nel 1989 sono state riconosciute dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità e si trovano lungo il corso del fiume Zambesi, all’interno di due parchi nazionali: quello dello Mosi-oa-Tunya National Park in Zambia ed il Victoria Falls National Park in Zimbabwe; di fatto le cascate sono al confine tra questi due stati.

1898

Con un fronte che supera il chilometro e mezzo ed un’altezza media di circa 128 metri, stare al loro cospetto ti fa sentire di molto più piccolo di una pulce. Data la loro conformazione, se ci si trova in navigazione sullo Zambesi, non si ha le percezione completa dello strapiombo che sta per sopraggiungere, la visuale ideale infatti si trova sulla sponda di fronte; viste dall’alto invece appaiono come una grande ferita “sanguinante”, uno strappo tra i due lembi di terra.

Sudafrica_4
Foto da internet e di proprietà di “I viaggi di Atlantide”

E se, data la loro struttura e la natura dalla quale sono circondate, a tutt’oggi è impossibile godere in pieno di questa meraviglia a meno che non vi si sosti davanti, tipo spettatori del cinema, figurarsi come doveva essere ai tempi del mitico David Livingstone, il primo occidentale a metter piede, il 16 novembre del 1855, in questo angolo di paradiso e che, in virtù del suo diritto di esploratore le ribattezzò con il nome dell’allora sovrana inglese: Victoria. La sua fama continua ad essere leggenda da queste parti, infatti non solo vi è una statua a lui dedicata all’interno del parco, ma addirittura la cittadina limitrofa alle Cascate porta il suo nome.

1913
Statua di Livingstone all’interno del parco

Alla sua morte, solamente il corpo tornò in madre patria dove trovò sepoltura all’interno dell’Abbazia di Westminster, il cuore invece, ormai appartenente di fatto al continente Africano, venne sepolto presso il lago Bangweulu in Zambia, luogo in cui nel 1873 morì di malaria, ed il cui nome significa “il luogo dove acqua e cielo s’incontrano“.

Ma appunto, Victoria è il nome che noi occidentali abbiamo scelto e deciso di adottare ma, per fortuna le guide locali, che sono uno SPETTACOLO, non perdono occasione per ricordarci quale fosse il nome originario ossia: Mosi-oa-Tunya, che significa “il fumo che tuona” e basta guardarle nemmen troppo attentamente per capirne il motivo.

1903

Voglio spendere una parola in favore delle guide, perchè non mi sono mai trovata bene come in questo viaggio (eccetto per la guida italiana di cui parlavo qui ): la nostra è stata semplicemente FAVOLOSA. E’ lui che dal nostro albergo, ci ha condotto prima alle Cascate e poi al Chobe NP e che in questa giornata trascorsa insieme ci ha spiegato veramente di tutto di più: dal nome degli alberi alla storia delle Cascate, passando per le brutte storie legate al bracconaggio di cui purtroppo il paese è vittima..il tutto con estrema cortesia, gentilezza, disponibilità e simpatia. Si è rivelato uno di quegli incontri che a distanza di anni, il loro ricordo ti fa sorridere il cuore. Si potrebbe malignamente pensare che, dal momento che veniva pagato, quella in atto era una sorta di carineria paraculo, in modo da tirar su anche la mancia. E invece a prescindere dal caso specifico del nostro amico, tutte e giuro tutte le persone che abbiamo incrociato (eccetto alcuni diplomatici che erano lì in visita), insomma tuttissimi, ci salutavano chiedendo come stavamo, il sorriso sul volto e via, ognuno per la sua strada senza per questo tendere la mano. Non mi era capitato di stare in una bolla di gentilezza come quella trovata in questa parte di mondo.

Noi siamo andate in Agosto, quando a causa della stagione secca il flusso dell’acqua è quasi al minimo, ma non per questo il rumore che ne scaturisce può essere considerato lieve: più ci avvicinavamo al fronte e più occorreva urlare per scambiare due parole, che nel 90% dei casi era: “guarda lì” mentre il restante 10% era “Ooooohhh”. All’ingresso del parco, la nostra mitica guida ci ha fornito gli impermeabili, cosa a cui noi non avremmo mai pensato, e che io con il genio che da sempre mi contraddistingue non ho messo se non proprio da ultimo..che lo dico a fare..ho finito la visita gocciolando..ripeto, le Cascate erano in secca e noi eravamo a debita distanza sull’altra sponda. Infatti in questo periodo dell’anno è possibile “fare il bagno” in una specie di piscinetta naturale chiamata con il rassicurante nome di “Piscina del Diavolo“;

tuffo-in-piscina
Foto da Internet – Piscina del Diavolo 

nelle altre stagioni, ovviamente non si può osare tanto, perchè a causa della corrente c’è il serio rischio di venire trascinati giù..ed ecco, qualche piccola controindicazione potrebbe esserci..ma giusto qualcuna.

Se penso a quel giorno, la prima immagine in assoluto che mi viene in mente, prima ancora del rumore, dei salti e delle evoluzioni che l’acqua compie, è quella degli arcobaleni. Ce ne sono a decine, di tutte le dimensioni, singoli, doppi, tripli..in alto, in basso e pure a mezza altezza. Acquarelli colorati che tremolando brillano al bacio del sole.

Le Cascate, per fortuna non si mostrano subito, ci si arriva piano piano, un po’ per volta: infatti, prima di fare la doccia al loro cospetto, va fatto un bagno nel polmone verde del parco nel quale sono immerse e dove gli animali sono liberi di scorrazzare, o darti noia in totale libertà, come nel caso delle immancabili scimmie.

Poi, tra le fronde degli alberi iniziano a far capolino gli arcobaleni, ed infine..ecco la furia dell’acqua gettarsi  violentemente a capofitto nel baratro e che, con il suo vapore ed i suoi schizzi va a coprire tutto ciò che le sta intorno.

In quel momento, sei solo te, al cospetto di quella lama d’acqua mista a roccia, qualcuno intorno ma sono presenze a cui nemmeno fai caso, si smette addirittura di percepire quel ruggito così potente. Ti trovi completamente immerso nella natura, nessuna costruzione, niente luci artificiali o strade asfaltate..oltre alle Cascate, solo alberi, scimmie, pace ed arcobaleni.

E proprio per questo le ho trovate così irresistibili: per il modo in cui sono tenute, cioè in quello più naturale possibile, perchè le guide che fanno i tour, sono ancora così legate alle tradizioni tanto che, a guardar bene la loro mappa cromosomica, si trova ancora scritto Mosi-oa-Tunya anzichè Victoria. Per il fatto di avermi strappato mille sorrisi e perchè tutti quegli arcobaleni mi hanno fatto innamorare. Per la loro potenza, capace di far vibrare il suolo, per il fatto che al mondo possano esistere cose talmente belle ed uniche, perchè in quel momento la parte razionale, smette di far finta di pensare e ti abbandoni alle emozioni. Per il vento che ti scompiglia i capelli ed il sole che ti bacia la pelle, per il modo in cui tutti i sensi, automaticamente vanno a sintonizzarsi con le Cascate.. e con questo tipo di connessione non c’è wifi, rete o fibra nemmeno lontanamente paragonabile.

 

Info più o meno utili:

  • L’attrezzatura fotografica VA PROTETTA ..anche se ci si trova sull’altra sponda, ad Agosto, con l’impermeabile ed a debita distanza, la doccia è assicurata.
  • L’aeroporto più vicino è quello di Victoria Falls (VFA) e si trova all’interno dell’omonima città. 20140817_132022Avvertenza: per sbrigare tutte le procedure burocratiche e poter finalmente avere il tanto agognato timbro sul passaporto, bisogna armarsi di 30$ Statunitensi (in contanti e precisi, altrimenti i tempi si allungano ulteriormente), ma soprattutto di tanta, tanta, tantissima pazienza. Forse noi siamo state sfortunate, magari abbiamo beccato il classico giorno NO, ma tra una cosa ed un’altra, abbiamo impiegato un paio di ore buone per ottenere il tanto bramato benestare a mettere il piedino in Zimbabwe.
  • Il secondo aeroporto più vicino è quello turistico di Kasane (BBK) in Botswana. Tra la cittadina alle porte del Chobe NP e le Victoria Falls, ci sono circa 80 Km, percorribili in meno di 2 ore di macchina, oltre il tempo necessario per le formalità doganali.

 

 

 

Annunci

12 thoughts on “Arcobaleni alle Victoria Falls

  1. Bello mamma mia, mi hai fatto emozionare!! Già prima di arrivare in fondo, solo leggendo, ho immaginato quello che poi hai descritto: un luogo immerso nella natura più incontaminata, dove anche il rumore sparisce e ogni cosa di te è attratta da quella meraviglia! Conosco bene questa sensazione, l’ho provata tante volte…perché al cospetto della grandiosità della natura non può essere altrimenti!!

    Mi piace

  2. Sai che neanche a me hanno fatto impazzire le cascate del Niagara? Dal lato canadese giusto un pelino di più, ma in linea di massima non le ho trovate così straordinarie come mi avevano detto.. Riuscire a vedere le Victoria (anzi, Mosa-oa-Tunya.. è cento volte più affascinante), sarebbe un sogno per me.. Valerio, il mio compagno, lo ha fatto e come te se ne è innamorato…:)

    Mi piace

  3. Concordo sono meravigliose. Vederle dall’alto poi un’emozione infinita. Decisamente un’altra cosa rispetto alle cascate del Niagara e alla Simil Disneyland che hanno creato attorno

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...