Ti regalo un fotolibro, se lo riempi di avventure!

“Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione. Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto: “Non c’è altro da vedere”, sapeva che non era vero. Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva, vedere le messi verdi, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l’ombra che non c’era. Bisogna ritornare sui passi già dati, per ripeterli, e per tracciarvi a fianco nuovi cammini. Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre. Il viaggiatore ritorna subito.”

Così diceva José Saramago e non potrei essere più d’accordo.

Io e la mia migliore amica siamo praticamente viaggio-dipendenti; è ormai dal lontano 2009 che, girando come trottole impazzite da un capo all’altro – o quasi – del mondo, proviamo a collezionare “timbri sul passaporto, e con loro incontri, profumi, colori… Non facciamo in tempo ad imbarcarci sul volo di ritorno che già pensiamo alla meta successiva, in bilico tra l’emozioni appena vissute e l’impazienza di scoprire cosa ci aspetta dietro il prossimo angolo.

passaporto artistico
Immagine presa dal web

Da quella prima gita fuori porta all’Abbazia di San Galgano  sono passati oltre otto anni, ma giuro che da allora non siamo mai riuscite a far terminare una giornata senza che una delle due non tirasse fuori un aneddoto, un ricordo o una sensazione legata al nostro personalissimo Tour around the world. Le Lonely Planet sono diventate oggetto da collezione, così come le mappe stradali dei paesi visitati

21984360_10213107949280717_1752270205_n

Siamo talmente nel trip che ogni volta che ci riesce organizziamo una “cena dal mondo”, cercando di riprodurre piatti e ricette assaggiati chissà dove – chissà quando. Tanto per dirne una, la settimana scorsa, in piena crisi d’astinenza bavarese, abbiamo vestito i panni delle famose “cuoche monache”  e ci siamo messe a preparare le frittelle di mele flambè, con abbondante cannella e gelato alla crema.

Proviamo a collezionare “timbri sul passaporto“, e con loro incontri, profumi, colori…

Anche l’arredamento delle nostre case inevitabilmente risente dei viaggi che facciamo: soprammobili, decori, pezzi d’artigianato, targhe, libri in lingua originale…  riescono sempre a trovare un posticino all’interno dei nostri appartamenti. Ma mica ci accontentiamo di trovargli un posto qualsiasi!

21912799_10213091374226351_640009528_n

No, entrambe cerchiamo l’angolino giusto, quello che proprio sembra fatto a posta per ospitare la giraffina sudafricana o l’elfo peloso svedese;

la scelta è fatta con talmente tanta attenzione e devozione che a confronto le selezioni di XFactor sono delle passeggiate!

I nostri abbigliamenti (soprattutto il mio) non sono certo da meno: i braccialetti sono stati presi qua e là tra il Sudafrica e l’Andalusia, gli orecchini parlano Marocchino, T-shirt e felpe sono perlopiù a stelle e strisce e, tanto per non farci mancare niente, la sciarpa è quella blu Tuareg. E perchè ancora non mi sembra il caso d’indossare il maglione 237% lana di pecora islandese!

Ma la nostra passione, forse, più grande è quella per i quadrettini, siano tele o acquarelli. Non appena incrociamo un pittore intento a far scivolare il pennello sulla tela, ci imbamboliamo cercando d’indovinare che forma prenderà quel tratto ed in che cosa si trasformeranno quelle linee.

plaza-santjoseporiol
Foto dal Web

Ogni volta, poi, che vediamo un tramonto scatta immediatamente l’enunciazione della top ten e puntualmente, almeno da tre anni a questa parte, l’arancione acceso del sole che scende al Chobe NP è stabilmente in vetta alla classifica.

Tramonto_Botswana_Chobe

Per non parlare del tempo speso ad armeggiare con le fotografie; abbiamo passato gli inverni davanti a fumanti tazze di tè all’arancia e cannella selezionando, modificando e scambiandoci fotogrammi di mondo in pieno stile figurine panini “celo-celo-mima-mima“. Ci siamo regalate quadri realizzati con centinaia di polaroid ed un fumettista ci ha trasformate in due mini-me versione cartoon, intente a vivere le agognate ed indimenticabili avventure elencate nelle rispettive “To do List“.

Del planisfero sui cui mettere le puntine dei posti visitati, e che ogni volta mi fa sentire minuscola davanti all’infinità di posti da esplorare, non dico niente, tranne che è servito – e non sto scherzando – un furgone per trasportarlo fino a casa mia!

21984047_10213107950960759_1055264264_n

L’ultima frontiera della nostra fissazione si chiama fotolibro. Grazie ad Instagram ho scovato Saal che, grazie ad un’accattivante campagna pubblicitaria, invitava a testare i suoi prodotti. Non potevo farmi scappare l’occasione e non me lo sono fatte ripetere due volte. Dopo attenta consultazione (e il lampo di genio di Tere), ci è venuto in mente di riprendere dal mio blog uno dei tanti post e creare così una specie di diario illustrato, un libro di avventure insomma, o di un’avventura in questo caso, con immagini e parole!

21942502_10213107948920708_426598906_n

Giuro che l’ho vista perdersi nel girone infernale delle clipart, degli adesivi e delle cornici che il programma mette a disposizione, ma il risultato è stato talmente tanto spettacolare che ci siamo ripromesse di mandare di pari passo blog e fotolibri, in modo da imprimere i ricordi in tutti i modi possibili ed immaginabili.

Per recuperare il tempo perduto, ed in attesa di scegliere la prossima meta, abbiamo già messo in produzione il secondo volume: Provenza tre giorni in paradiso.

P.S. Ah, sempre in tema di viaggio sai che cosa ci siamo messe a fare? Le mongolfiere fai da te! Al momento, utilizzando qualche vecchia lampadina fulminata, stiamo provando a dar vita a tante piccole monghy da appendere alla libreria o sul balcone, il tutto in attesa di….

21984056_10213121608382186_1491143745_n

…ma questa è tutta un’altra storia.

Annunci

14 risposte a "Ti regalo un fotolibro, se lo riempi di avventure!"

  1. Marghe che bello che è venuto il fotolibro! Mi piace un sacco il layout, l’impaginazione e l’idea geniale di usare il post, trovo che donino particolarmente alla meta islandese! Io sono una fissata di fotolibri e praticamente ne ordino uno ad ogni ritorno, proprio la settimana scorsa mi è arrivata una collection di viaggi recenti. Non conoscevo Saal Digital, sono appena andata a sbirciarne lo shop e i prodotti sono davvero di qualità, grazie per la segnalazione! *_* Caspita ma quanto hai viaggiato!? 😉
    Un abbraccio!

    Mi piace

    1. Si…è venuto veramente bello. Questo è il terzo fotolibro che facciamo e onestamente gli altri 2 sono della stessa consistenza con cui erano fatti gli album di figurine…un po’ “cenciosi”. Questo, a parte i layout, ha una carta che è strepitosa, sembra veramente un libro di libreria, insomma uno di quelli veri. Io non conoscevo assolutamente Saal, l’ho visto per caso su Instagram ed ho “partecipato” solo per il buono, ma devo dire che ho fatto benissimo!! Pensa che abbiamo già ordinato quello della Provenza, anche se ignoro come sia venuto perchè l’ha fatto tutto Teresa dalla A alla Z; io non ho potuto mettere bocca…insomma, prima mi fa la sorpresa e poi mi richiede i soldi…non esistono più le amiche di una volta ahahaha.

      Piace a 1 persona

  2. Ma che bella l’idea del fotolibro! Per carità, le mie foto fanno tendenzialmente pena, ma il fatto che rappresentino uno dei ricordi di un viaggio le rende speciali, e l’idea di metterle insieme in maniera così carina mi piace molto.
    Mongolfiere? Lampadine? Ma quest’altra storia ce la racconterai? Perché a questo punto sono MOLTO curiosa!

    Mi piace

    1. Hai detto benissimo, io il fotolibro l’ho fatto soprattutto per tenere insieme i ricordi, magari quelli più buffi. Sto entrando nel periodo art-attack e la mia prima realizzazione stagionale sarà una mongolfiera, da realizzare con una lampadina, dello spago, un qualcosa per fare il cestino e della carta per rivestirla…o almeno ci provo. In attesa di ricevere il mio regalo (dei 3 compleanni scorsi) che, se non succede niente, sarà un giro in mongolfiera sopra la Val D’Orcia….. ho una fifa matta di volare, ma non vedo l’oraaaaa 😀

      Piace a 1 persona

  3. Bellissimo questo foto libro!! Voglio farne uno da un sacco di tempo, ma ogni volta mi fermo perché quando si tratta di scegliere le foto inizia l’eterna indecisione 😊 Magari questa sarà la volta Buona, anche perché mi sembra che il risultato sia splendido!
    Ps: conosco bene il momento catartico in cui decidi dove mettere l’ennesimo souvenir, ahahhahahaha, ogni volta mio marito mi guarda come se fossi matta!!

    Mi piace

    1. Ehehe capisco benissimo l’eterna indecisione di fronte alle fotografie da selezionare, credo che questa cosa potesse rientrare di diritto tra le fatiche di Ercole da tanto è un’impresa mitologica. Vogliamo parlare delle mezz’ore passate di fronte a 2 foto identiche tra le quali cambiano solamente 2 foglie sullo sfondo??!! Tuo marito non capisce il dramma del souvenir, metti che scegliamo un posto in cui, l’ennesimo aggeggio, non si senta a suo agio? Non sia mai!! ahahahahah

      Mi piace

  4. Ma che casa magnifica! Ho lasciato gli occhi sulla mappa con le puntine e le mongolfierine…💟 Non ho mai fatto un fotolibro, forse è il momento di pensarci visto quanto è bello il tuo…vado a dare un’occhiata sul sito 😉 Ciao e grazie per l’idea..potrebbe essere un bel regalo..
    PS: dovresti postare le ricette da tutto il mondo che vi piace preparare…sono curiosa😋

    Mi piace

    1. Si, il planisfero con le puntine (dimensione 3 metri x 2, planisfero modesto lui) è il mio orgoglio. E purtroppo mi tocca ammettere che quello è stato un’idea di Teresa, come peraltro è sua la casa magnifica, le foto della mia sono quelle con le guide e con l’elfo peloso. Non posso fotografare altro perchè sembra sempre sull’orlo di una guerra nucleare per il casino che c’è ajahahaha. In realtà ci abbiamo pensato tante volte a postare le ricette dal mondo…dovrei applicarmi di più ahaha. Un abbraccione

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.