Cosa fare in Camargue: Una gita al Parc Ornithologique de Pont de Gau

Che cosa fare in Camargue?

La prima risposta che mi viene in mente è vivere gli spazi, con suoi i territori quasi allo stato brado ed i tempi che si dilatano in un modo quasi impalpabile. Nel sud della Francia, come un po’ in tutti sud del mondo, la vita si prende un po’ più come viene, in un modo più calmo e rilassato, certamente più salutare; si sta fuori, ci si gode il vento, gli odori della natura, il profumo del mare, la luce e pink… pink, che?

“Pink it’s my new obsession
Pink it’s not even a question,
Pink, on the lips of your lover, ’cause
Pink is the love you discover”

Oh, quando io penso alla Camargue, la scimmietta che ho in testa non può far a meno di fischiettare la canzone degli Aerosmith, e non perchè il sound, il mood o il testo c’entrino un fico secco con il contesto di questa zona, anzi, però il colore non può che farmi farmi questo collegamento.

Perché signore mie, c’è poco da fare, la Camargue è pink, come l’aria, come il tramonto prima di convertirsi a crepuscolo,

Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (10)

ma soprattutto è pink come i Flamingo.

Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (130)

E dove andare a vedere i fenicotteri in Camargue, se non al Parc Ornithologique de Pont de Gau a  Saintes Maries de la Mer?

Altro che ciambelloni gonfiabili con porta bevute annessi per le giornate al mare, qui si parla di fenicotteri in carne, ossa, piumaggio e ali; per non parlare poi dei colori, si passa dal rosino al rosso in un battito di ciglia, anzi di ala … e che ali!

Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (163)

Quando le spiegano per spiccare il volo in branco,  lo fanno esattamente come se fossero un’unica formazione acrobatica di frecce monocolore, vi giuro che riescono a far diventare incredibile la realtà.

Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (241)Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (212)Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (251)

Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (95)Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (119)Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (6)Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (42)Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (152)Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (117)

Secondo me, sono animali talmente tanto belli ed eleganti che già immagino già il sequel della carica dei 101, dove lo spellicciamento dalmatesco lascia il posto allo spiumaggio feniccoterino… il tutto orchestrato da un Malgioglio versione bad boy, alla caccia dell’accessorio perfetto.

Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (302)Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (269)

Capisco che questa possa sembrare una visita adatta giusto a riempire quell’oretta di buco, prima di spostarsi in un altra città, ma vi assicuro che non è così. Non fate l’errore di sottovalutare questo parco, perché nonostante che a prima vista sembri poco attrattivo, sappiate che in realtà questo ambiente saprà sorprendervi passo dopo passo. A parte la passeggiata salutare, l’entrare in contatto con specie che altrimenti vedresti solamente su google immagini, l’emozione dell’avvistamento e tutta la componente didattica, più passa il tempo e più vi troverete ri-connessi alla natura, tanto che vi verrà naturale rimettere un po’ di distanza tra voi e tutti i maledetti mezzi elettronici.

Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (290)Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (230)

Proprio per questo, prima di incamminarci in questo percorso, è bene chiarire subito una cosa: qui gli ospiti siamo noi!

Si perché questi 60 e passa ettari di territorio incontaminato, con i suoi oltre 7 chilometri di percorsi (divisi in 3 tipologie a seconda dalla lunghezza) sono interamente, totalmente, incondizionatamente, ed un’altra decina di mente a vostra scelta, rivolti all’avifauna stanziale e migratoria e noi, poveri bipedi sprovvisti di piumaggio, non possiamo far altro che piazzarci in un angolino ad osservarla ed ammirarla in assoluto e rigoroso silenzio: appassionati di bird watching questo posto è per voi! Aironi, cicogne, uccellini, uccelletti, falchi e ‘na miriade di altri bellissimi esemplari di cui adesso non ricordo esattamente il nome,

 

per arrivare a lui, il Fenicottero, che con le migliaia di esemplari è il signore incontrastato del parco.

Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (87)Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (51)Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (48)

In genere il tempo medio stimato per effettuare la visita è attorno alle 2 ore; noi 1 ora e 47 minuti l’abbiamo passata al primo stagno, non appena varcata la soglia della biglietteria.

Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (126)Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (125)Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (113)Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (97)

 

Avete presente quando ai buffet portano gli antipasti, proprio quelli belli saporiti, succulenti, che proprio ti fanno impazzire? E tutti ti ripetono, non abbuffarti, che ci saranno tante portate, questo è solo l’inizio? Ma te di fronte a tutto quel ben di Dio non riesci a trattenerti ed ingurgiti 27 tartine per volta? Ecco, noi abbiamo fatto esattamente così! Sapevamo che i chilometri da fare erano molti e che di fenicotteri ne avremmo visti ancora ed ancora ed ancora, ma il trovarli tutti lì, a portata di mano, vicinissimi da sentirne i gorgoglii mentre fanno pancia mia fatti capanna dei loro crostacei preferiti, ci ha fatto perdere ogni cognizione del tempo e dello spazio.

Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (300)Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (248)

Flamingo in solitaria, in coppia, amorosi, litigiosi, cucciolini, sonnacchiosi, petalosi, su una zampa, su due, intenti a mangiare o passeggiare… e non uno, non dieci, ma centinaia! Di fronte ai nostri occhi e letteralmente a portata di mano. Ci siamo sentite come due bambine al luna park, tanto che anche i bimbetti in gita ci hanno guardato con l’occhio di chi dice: ma esattamente, qual è il vostro problema?!

Ma le due parti, secondo me, più belle dovevano ancora arrivare perchè se è vero che sia quando spiegano le ali per volare via che quando atterrano appaiono come animali quasi superbi dalla regalità agghiacciante, è altrettanto vero che quando il tipo del parco gira con la gippetta piena di cibo da scaricare nei vari punti del percorso, loro si tramutano improvvisamente in un branco di polli che con il loro incedere sculettante si prendono a spintoni, dandosi testate e culate a tutto spiano.

Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (295)Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (155)Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (131)Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (126)

Giuro che è stato uno dei momenti più belli di tutta la mia carriera da bird watcher

Come arrivare al Parc Ornithologique de Pont de Gau:

Il parco si trova lungo la D570 che collega Saintes Maries de la Mer ad Arles, infatti l’ingresso si trova a 5 km circa dalla prima e 35 km dalla seconda. Il biglietto d’ingresso, da pagarsi in contanti, due anni fa costava 7,50€ ma adesso probabilmente sarà stato ritoccato al rialzo;  come dicevo prima, la durata stimata per la visita è di circa 2 ore ma io onestamente non credo che questo sia possibile.  Una parte del parco, dove forse si ha la maggior concentrazione di volatili, è accessibile anche a persone con problemi motori e nei mesi estivi viene aperte un piccolo bar interno. Il parcheggio si trova proprio di fronte all’ingresso ed è gratuito, ma come suggerisce una buona regola del turismo responsabile, nonché del buonsenso: evitate di lasciare oggetti di valore in vista all’interno dell’abitacolo.

Info sul Parc Ornithologique de Pont de Gau:

Ufficiosamente il parco è nato attorno agli anni ’50, quando un autoctono, particolarmente legato ed amante del suo territorio, pensò bene di realizzare un “piccolo giardino zoologico” ponendo così le basi per quello che sarebbe diventato il parco che oggi conosciamo. Il suo sviluppo però è da attribuirsi al figlio ed ai nipoti di quest’uomo che, prendendone le redini in mano, iniziarono un lento percorso di ammodernamento delle strutture, riuscendo ad acquisire nuovi terreni e realizzando vari sentieri al suo interno. Adesso il parco può vantare: tre percorsi con numerosi punti di osservazione riparati, un area didattica per i bambini ed un centro di recupero per volatili feriti,

Cosa_fare_in_Camargue_Una_gita_al_Parc_Ornithologique_de_Pont_de_Gau (78)

il tutto mantenendo come punto cardine la sua vera missione che è quella di sensibilizzare le persone nei confronti non solo della Camargue, ma della natura in generale.

 

Annunci

6 risposte a "Cosa fare in Camargue: Una gita al Parc Ornithologique de Pont de Gau"

  1. Marghe, che spettacolo i fenicotteri! Sai che credo di averne visto solo qualcuno allo zoo, e mai liberi come in questo splendido parco? Poi così tanti, cavolo, ci credo che avete impiegato quasi due ore solo al primo stagno! Io non me ne intendo granchè, ma trovo che il bird watching sia l’esaltazione del viaggiare slow e come tale mi garba da matti! Ottimo consiglio il tuo, inserire questi percorsi tra le cose da fare in Camargue… Solo che adesso non riesco a togliermi dalla testa la canzone degli Aerosmith…ahahahah!!

    Piace a 1 persona

    1. Pensa io non ne avevo mai visto uno… pensa come sono rimasta strabilita… ti giuro che quando si sono alzati in volo tutti insieme, sembrava di assistere ad un fenomeno migratorio. A questo parco effettivamente non daresti due lire, ma in realtà è una cosa meravigliosa. Ti è passata la canzone? ahahahah

      Mi piace

  2. Ma scusa Marghe, come hai fatto? Avevi un drone per fare questi scatti? Sono meravigliosi, soprattutto quelli dove il branco di Malgiogline sembrano venirti incontro!
    E poi è una griglia quella cosa nell’erba nella foto dell’airone? Cosa si stava arrostendo per pasquetta? 😉 A parte scherzi che animali meravigliosi, anche io li ho visti solo in piccoli acquitrini all’interno di giardini zoologici e credo che in una riserva come questa l’effetto sia decisamente diverso! Io invece sto pensando a Flamingo di Sergio Caputo…velo pietoso 😛

    Mi piace

  3. Ma che spettacolo! Ci devo proprio tornare in Camargue: ci sono stata una volta sola durante una giornata disastrosa alla fine della quale ho buttato via le scarpe per via della pioggia.
    In generale è una zona che mi ispira molto e che vorrei vedere con i colori di una giornata soleggiata. Ecco, e ora continuerò a cantare gli Aerosmith per il resto della giornata 😉

    Mi piace

Rispondi a Meridiano307 Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.